left

left è una parola dai molti significati. Vuol dire sinistra, certo, senza aggettivi. Non radicale, o alternativa. Vuol dire cose lasciate, dimenticate dai media di massa. Ma nel nostro caso fa riferimento, in particolare, all’acronimo di Libertà Eguaglianza Fraternità, le tre parole simbolo della Rivoluzione Francese a cui la storia non ha regalato un senso reale. Contenitori vuoti, promesse non mantenute, parole che non sono ancora state trasformate in idee. Per questa Trasformazione vogliamo lavorare. Facciamolo insieme.

Primarie regionali, Renzi non porta niente di nuovo

Primarie regionali, Renzi non porta niente di nuovo

Calato il sipario sulle consultazioni del centrosinistra in Campania e Marche, si avvicina la scadenza elettorale delle regionali di maggio, vero e proprio test per il governo. Ma la classe dirigente è sempre la stessa Continue Reading

Share this Story

Le cinque delle 13.00

Le cinque delle 13.00

Le notizie principali di oggi. In primo piano l'esplosione di una bomba nel centro del Cairo, che ha provocato due morti e molti feriti. Continue Reading

Share this Story

La Grecia è stata lasciata sola. E l’Unione non cambia

Paesi governati da forze conservatrici, e in prossimità di elezioni, non potevano certo darla vinta a Syriza. Francia e Italia, che pure hanno problemi con il rispetto delle regole europee, si sono ben guardate dall’esporsi in favore di Tsipras. Continue Reading

Share this Story

Rassegna stampa, lunedi 2 marzo 2015

Le prime pagine dei quotidiani di oggi. Continue Reading

Share this Story

Egitto batte Libia

Egitto batte Libia

All’indomani del colpo di Stato di Nasser, la Nazionale vince la medaglia d’oro nella prima edizione dei Giochi panarabi. Il football, unico retaggio positivo della presenza inglese. Continue Reading

Share this Story

Essere razzisti conviene, il monologo di Saverio Tommasi

Saverio Tommasi ne “Essere razzisti conviene” il monologo sul numero di left in edicola e interpretato in questo video dallo stesso Tommasi. Continue Reading

Share this Story

Xenofobia in scena

Xenofobia in scena

Il giorno della verità è arrivato: 28 febbraio. Dopo due mesi di annunci e preparativi Matteo Salvini porta i suoi a Roma per aggiungere la voce della piazza a quella dei sondaggi. Una prova di forza con la quale il ... Continue Reading

Share this Story

Violenza e paura. Quando il rifiuto sarà “collettivo” avremo fatto un bel passo avanti

Nel giorno in cui Matteo Salvini, sostenuto da CasaPound, sceglie Roma per la sua manifestazione “Renzi a casa!” e fa salire sul suo palco Giorgia Meloni, i tedeschi di Pegida, i francesi del Bloc identitaire e tanta altra destra, Left mette in copertina un calciatore. Un calciatore che ha scritto un libro dal titolo Per l’uguaglianza. Continue Reading

Share this Story

#maiconSalvini, nemmeno sotto le cariche

#maiconSalvini, nemmeno sotto le cariche

Chi temeva tensioni, non ha dovuto aspettare che scoccasse la mezzanotte del 28 febbraio. Il bilancio della vigilia, al momento, è di 6 fermi e diversi feriti. Continue Reading

Share this Story

In gioco per l’uguaglianza

In gioco per l’uguaglianza

In copertina la foto Lilian Thuram, ex calciatore della Nazionale francese che da anni si batte contro il razzismo, scrivendo libri e costruendo iniziative con la sua Fondazione. Nell’ultimo, Per l’uguaglianza, ci spiega come il razzismo sia una costruzione sociale, "razzisti non si nasce, si diventa". Continue Reading

Share this Story
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.