Cari lettori oggi left è leggermente ridotto, ma c’è un motivo. La redazione infatti è impegnata nella preparazione del prossimo numero che uscirà insieme con l’Unità per la prima volta sabato 12 maggio e poi ogni sabato successivo.

Una nuova sfida per left, unire la propria voce libera con quella dello storico quotidiano fondato da Antonio Gramsci che dal 7 maggio “volta pagina”, torna in grande sui temi del Paese. Con loro, in nome di diritti fondamentali che cerchiamo di garantire col nostro lavoro. Libertà, uguaglianza, per l’unità della sinistra. Una sfida culturale di portata enorme, oltre che giornalistica. Viviamo un momento fondamentale nella storia della Repubblica. Per la prima volta dopo quasi un ventennio, è possibile pensare ad un Paese nuovo. Un’Italia moderna, europea, aperta alle nuove generazioni. Un’Italia che sconfigga l’antipolitica, il populismo, il menefreghismo.

Con l’Unità left continuerà la sua battaglia fatta di idee. Idee che cambiano il mondo. Lavoro, scuola, cultura, beni inalienabili. Scienza, ambiente, laicità. Come dice la Costituzione, del resto. E poi donne, Europa perché questo è il nostro orizzonte. left cercherà di dare ancora e più forte il suo contributo alla Sinistra. Perché il futuro è a sinistra. Nella nuova sfida che attende il nostro settimanale, ci sarà un passaggio di consegne. A partire dal prossimo numero il nuovo direttore responsabile è Giommaria Monti, e vicedirettore Manuele Bonaccorsi. A loro va il mio augurio più sentito di buon lavoro. Io, sarò immersa in ognuna delle nostre future battaglie.