Fischia il vento dell’era Renzi nello stabilimento della Piaggio di Pontedera. Su questo secondo numero del 2015 Checchino Antonini, firma storica di Liberazione e oggi di Popoff, e Tiziana Barillà raccontano le storie dei suoi operai che non si piegano. E protestano. Sempre, per il pane e per le rose insieme.

Mentre la politica impazzisce dietro al toto Quirinale, Ilaria Giupponi ricostruisce il caos del M5s che, a meno di una settimana dall’inizio delle votazioni, non ha fatto nomi né tantomeno deciso il metodo con cui arrivare ad un proprio candidato. Raffaele Lupoli firma la sua inchiesta sul Governo SfrattaItalia: il ministro Lupi non ha prorogato il blocco degli sfratti e migliaia di persone rischiano di finire in strada. Senza casa né diritti.

E tanto altro ancora, da Paolo Ferrero che racconta a Left le ragioni del suo nuovo libro La truffa del debito pubblico a Umberto De Giovannangeli e Flore Murard-Yovanovitch che tornano su Isis e ascesa dei neonazisti di Pegida in Europa.

Per chiudere con il racconto di Simona Maggiorelli da Parigi, dove ha riaperto il Museo Picasso, la scienza con l’anno della Luce spiegato da Pietro Greco e tanto altro: antropologia, musica e tempo libero. Buona lettura

 @ilariabonaccors

Commenti

commenti