Questa settimana Left cita esplicitamente la copertina del febbraio 2012 del Time. Ma invece di Mario Monti troverete la storia di Yanis Varoufakis, neoministro delle Finanze del governo di Alexis Tsipras. Perché per noi “solo” chi si oppone al mantra reazionario dell’austerity “can save Europe”. Stefano Fassina, Nicolò Cavalli, Guido Iodice, Ernesto Longobardi, Anna Pettini e Andrea Ventura vi racconteranno dove ha studiato, quanto ha viaggiato, dove ha lavorato, e cosa sta facendo in questi giorni in giro per l’Europa Yanis Varoufakis.

Il 14 Left è in piazza #dallapartegiusta perché è vero che se cambia la Grecia, cambia l’Europa. Lo scrive Maria Pia Pizzolante di Tilt «la Grecia non è un pericolo ma un’incredibile chance da cogliere». Ma non solo, su questo numero parla il sindaco, Luigi De Magistris, che riparte dal territorio e dall’associazione Dem.a per tentare di ricostruire la buona politica non solo a Napoli.

Al centro del numero troverete uno speciale d’eccezione, “Allarme mafie”, firmato da Giulio Cavalli, Stefano Santachiara, Ilaria Giupponi e Sarah Buono dedicato al «nuovo sistema Emilia» pervasivo a tal punto da aver coinvolto un’intera regione, l’Emilia Romagna, in affari con la ’ndrangheta. Nessuno escluso.

E ancora Anonymous e Isis, un focus su “Polveriera Ucraina”, una lunga intervista a Francesco Lotoro che per ventidue anni ha trovato e raccolto, in tutto il mondo, 4mila opere musicali scritte da autori internati nei lager. Per finire con un’inchiesta sulle babymiss: un esercito di bambine modelle spinte dalle loro madri ad esibirsi; il racconto di una scoperta in Israele che parla di amore tra Neanderthal e un pizzico finale di Sanremo. Buona lettura.

@ilariabonaccors

Commenti

commenti