«Avanti popolo (greco)», questo il titolo della storia di copertina di Left in uscita sabato. Dalla Grecia scrivono per noi Dimitri Deliolanes e Francesco De Palo per spiegare tutte le “balle” che girano sulla crisi greca. E Stefano Santachiara chiarisce il ruolo del Fondo monetario internazionale facendo un ritratto di Christine Lagarde, attuale direttrice.

Left indaga anche il fronte della sinistra italiana: come si muove per sostenere la politica anti austerity del governo Tsipras? Risponde Nicola Fratoianni (Sel) che oltre a manifestare la vicinanza al popolo greco, dice a Renzi: «Non vantarti troppo, le riforme del memorandum della Troika non funzionano».

In Società, la politica con Stefano Fassina e il racconto i due economisti sulla crisi della mobilità sociale alla luce delle nuove misure economiche del governo Renzi. Torniamo anche sulla Buona scuola perché si annunciano iniziative legali, come un referendum, e boicottaggio a settembre. Continua poi il viaggio tra i migranti di Giulio Cavalli, questa volta arrivato a Ventimiglia, dove alla frontiera tra Francia e Italia, si addensano le speranze e le disillusioni dei richiedenti asilo.  Tiziana Barillà vi racconta come cambiare vita: come si sono inventati i ragazzi di Circomondo, il festival internazionale di circo sociale che si è tenuto a San Gimignano.

Negli Esteri Left racconta l’accordicchio europeo sulle quote dei migranti, una trattativa segnata da compromessi ed egoismi.  E poi la strana storia della Norvegia dove una Ong di Oslo si inventa un talent per rifugiati. E ancora: la storia dei filmaker siriani che sfidano l’Is a suon di ironia e videoclip, il processo di pace in Colombia raccontato dallo scrittore Chico Bautì e il “peso” insostenibile dei prestiti universitari negli Stati Uniti.

In Cultura il focus sui nuovi scrittori in lingua italiana ma di origine straniera, la fisica tra guerra e pace e un’intervista ai Subsonica.

Commenti

commenti