L’indonesia brucia da settimane come se niente fosse e come se non fosse una questione che riguarda un po’ tutti. Come per altri fenomeni che crescono a causa dell’intervento umano, infatti, gli incendi producono inquinamento atmosferico e contribuiscono in maniera sostanziale alle emissioni globali di CO2. Le stesse delle quali discuteranno tutti i Paesi del mondo al COP21 di Parigi. Gli incendi in Indonesia stanno creando quantità infernali di fumo tossico ma fanno il loro lavoro, che è quello di rimuovere alberi e liberare terra da coltivare con palme da olio e alberi per la produzione di carta. Durante questa stagione degli incendi, la peggiore da quella record del 2006, sono andati in fiamme 21mila chilometri quadrati di foreste e torbiere, l’equivalente della Slovenia.

epa04946616 Indonesian Officers on burned peat land during Indonesian President, Joko Widodo, inspects their work of emergency services putting out forest fires in the village of Sakakajang,Jabiren, Pulang Pisau, Central Borneo, Indonesia, 24 September 2015. Accoridng to local officials Indonesian authorities have suspended the operations of four plantation companies over forest fires on Sumatra island. Police were questioning officials from two of the domestic companies for possible criminal prosecution, said Muhammad Yunus, Director for Enforcement at the Ministry of Forestry and the Environment, witht he penalty for causing pollution being up to five years in prison. Haze from forest fires on Sumatra and the Indonesian part of Borneo island is an annual hazard which authorities have blamed on the illegal practice of open burning by small farmers and plantation companies. burning by small farmers and plantation companies. EPA/BAGUS INDAHONO

epa04985116 An aerial view of wildfires bruning in Ogan Komering Ilir, South Sumatra, Indonesia, 20 October 2015. Indonesia has agreed to accept help from foreign teams to fight the forest fires in Sumatra and Kalimantan. But the prolonged dry season means that not all the hotspots have been extinguished and their numbers keep fluctuating, officials said. EPA/TAMY UTARI

Centinaia di migliaia di persone sono rimaste intossicate dai fumi e la nebbia tossica raggiunge Malesia, Filippine, Singapore, Thailandia. Dopo che le fiamme hanno devastato intere aree di Sumatra e Kalimantan, ora stanno toccando anche la parte indonesiana della Guinea (qui sotto una foto della mappa satellitare che mostra gli incendi attivi nell’ultima settimana da Fires Global forest watch). Le foreste indonesiane tendono a essere poco combustibili, segnale che si tratta di fuochi appiccati dall’uomo e voluti dalle grandi compagnie che piantano palme per produrre olio. Inoltre, a bruciare sul fondo dei boschi è molta torba, che brucia a lungo e rilascia (in maniera simile ai ghiacci che si sciolgono) gas presenti sotto la crosta terrestre come il metano, il monossido di carbonio e ozono.

Schermata 2015-11-03 alle 12.00.31

 

Per rendersi conto del danno, vale la pena fare un confronto che riprendiamo dal World Resources Institute: le emissioni di CO2 giornaliere delle foreste indonesiane in fiamme superano di molto quelle prodotte dal sistema economico degli Stati Uniti. La tabella qui sotto mostra (nella linea orizzontale) la quantità di emissioni medie negli Usa, le colonne in giallo rappresentano la quantità di CO2 emessa dalle piante che bruciano.

fire-emissions-indo-us-1024x771

 

Quello qui sotto invece è un video girato da Greenpeace che mostra la devastazione filmata da un drone

Come scrive l’attivista ambientalista e giornalista George Monbiot su The Guardian:

Quello che sto dicendo è un barbecue di dimensioni colossali. A una valutazione obbiettiva delle notizie, questa è la più importante di questi giorni e non dovrebbe richiedere l’editoriale di un commentatore, ma dovrebbe essere sulla prima pagina di tutti i quotidiani. E’ difficile comunicare la scala di questo inferno, ma un confronto potrebbe aiutare: in tre settimane gli incendi hanno rilasciato più CO2 delle emissioni annuali della Germania.

Quest’anno, come nelle precedenti stagioni in cui i fuochi furono particolarmente intensi, il clima è infatti più secco del normale a causa del crescere di El Nino, che si prevede porterà fenomeni atmosferici particolarmente violenti nelle Americhe, mentre in Asia sta producendo piogge meno intense del normale. Tutta la vicenda indonesiana assume particolare rilievo in vista della conferenza COP21 di Parigi: qui, oltre a discutere del taglio delle emissioni generate dalla produzione industriale, occorrerà anche affrontare il tema della distruzione delle foreste, in Indonesia come altrove.

@minomazz

 

Commenti

commenti