Accolgono i turisti in strutture storiche, spesso di lusso.E grazie alle agevolazioni sull’Imu, applicano tariffe ultracompetitive, ai limiti della concorrenza sleale. Solo a Roma, su un totale di 1.041 fra hotel, bed & breakfast e residence, le strutture alberghiere degli enti religiosi sono poco meno di 300, con una capienza stimata tra i 13mila e i 15mila posti letto. Se ne trovano per tutte le tasche: si va dal palazzo del 1400 delle suore Brigidine a piazza Farnese (una ventina di stanze, mobili di pregio, grandi tappeti, volte affrescate e cappella sfarzosa, 160 euro in doppia), al casale dei frati trappisti immerso nel verde del quartiere Eur (80 camere, vasto giardino curato, due ristoranti, 80 euro a notte), fino alla struttura modernissima gestita dalle sorelle del Preziosissimo sangue a pochi passi dalla basilica di San Pietro (con un luogo di preghiera dalle originali volte e mosaici, 90 euro a stanza), o anche un ostello in largo dello Scautismo, zona piazza Bologna, per una clientela giovane (con prezzi dai 27 ai 95 euro). Alcuni di questi enti possiedono una vera e propria fortuna immobiliare. L’Ordine del SS. Salvatore di Santa Brigida, ad esempio, è presente in 19 Paesi, con ben 50 strutture, di cui 6 solo in Italia e 3 a Roma.
Partendo da 10 casi concreti, Left ha fatto una stima dell’Imu che le case per ferie dovrebbero pagare se non fossero agevolate. Si aggira intorno ai 20 milioni.

 

Leggi l’inchiesta sul numero 47 di Left in edicola dal 5 dicembre

 

SOMMARIO ACQUISTA

 

 

Commenti

commenti