Anche gli ultimi 25 ospiti hanno lasciato il centro. Il Baobab è ufficialmente chiuso. Ma la lunga trattativa tra il prefetto Tronca, facente funzioni di sindaco della Capitale, e i volontari, che chiedevano la ricollocazione di tutti i rifugiati e transitanti prima di abbandonare la struttura, non è stata vana. I volontari saranno nuovamente ricevuti in Campidoglio martedì 15 dicembre, per cercare di individuare una nuova struttura in cui far risorgere il Baobab.

Lo conferma in una nota anche il Campidoglio: «Si chiude la struttura Baobab, come disposto dall’Autorità Giudiziaria per la restituzione dei locali alla proprietà. Si sono concluse le attività per la sistemazione degli ultimi ospiti. Come già garantito dal Commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, tutti hanno ricevuto la necessaria assistenza grazie anche all’impiego del personale del Dipartimento Sociale. Anche i materiali presenti nel centro riceveranno una sistemazione. L’Amministrazione sta operando per individuare ulteriori soluzioni per i migranti in transito dalla città. Una delegazione di volontari sarà ricevuta nuovamente in Campidoglio il 15 dicembre».

Leggi anche: Che cosa è successo al Baobab


Dopo una lunga riunione, i volontari del centro hanno deciso di attendere l’incontro del 15 dicembre con il Campidoglio senza forzare la mano. Intanto Medu, l’associazione Medici per i Diritti Umani, ha messo a disposizione dei volontari del Baobab, a partire dal 7 dicembre, una propria unità mobile per un presidio fisso in via Cupa. Il camper ha lo scopo di dare prima assistenza ai migranti più vulnerabili che sbarcano a Roma. «I volontari», comunica Medu «continueranno inoltre a prestare assistenza socio-sanitaria ai migranti in transito, come stanno regolarmente facendo ogni settimana dal mese di giugno. I volontari del Baobab attiveranno il presidio già da questa sera in attesa che per il 15 dicembre il Comune formuli una proposta concreta per l’allestimento di un’adeguata e dignitosa struttura di prima accoglienza per i migranti in transito nella città di Roma».

Commenti

commenti