In una recente eNews Renzi confronta i risultati del suo con quelli dei precedenti governi: più 0,8 il Pil nel 2015, meno 2,3 con Monti, meno 1,9% con Letta. «I numeri sono quelli», mi interrompe subito Vincenzo Visco, «ma non è corretto associare un numero a un presidente del consiglio. Monti e in parte Letta hanno gestito una recessione di cui non erano responsabili, Renzi gestisce una ripresina che non è attribuibile a lui».
Ripresina, tutto qui? «Il rimbalzo è stato tenue e l’economia è in difficoltà, Renzi o non Renzi. Il dibattito serio che si dovrebbe aprire è perché l’Italia non cresca». Secondo Luca Ricolfi del Sole24Ore la produttività forse ha smesso di calare, ma certo è più bassa che in tutti i principali Paesi europei. De Benedetti auspica uno shock fiscale, alcuni commentatori neoliberisti consigliano al governo di proseguire sulla scia del Jobs act e della riduzione del potere sindacale di contrattazione, lasciando in piedi, come chiede Federmeccanica, solo il contratto d’azienda.

 

Questo articolo continua sul n. 11 di Left in edicola dal 12 marzo

 

SOMMARIO ACQUISTA

 

Commenti

commenti