Matteo Renzi si è seduto al tavolo buono. Una tavola rotonda, per essere precisi, che il 25 aprile ha riunito, a fianco del premier italiano, Francois Hollande, Angela Merkel, Barak Obama e David Cameron. I leader dei 5 Paesi chiamati a decidere della guerra al Daesh, del modo di accogliere o respingere i profughi, della sorte dell’Ucraina e dei rapporti tra Occidente e Russia, dei trattati a tutela del libero commercio e del futuro dell’Unione Europea, vale a dire welfare, diritti, politica e istituzioni comuni.

Non so cosa abbia detto: questi colloqui vengono registrati dallo staff ma secretati, perché ognuno dei leader possa poi contarsela con i media domestici. So cosa avrebbe dovuto dire: L’Italia crede nell’Europa, cerca la distensione con la Russia – senza concessioni a Putin sul tema dei diritti -, è convinta che si debba chiudere la partita con i terroristi di al Bagdadi, appoggiando tutte le forze che li combattano sul campo e minacciando l’embargo contro Arabia Saudita e Turchia se continueranno il loro doppio gioco. I profughi vanno accolti, non mandati a casa a morire come fecero gli americani nel ’39 con gli ebrei della St. Louis. Vinto l’Isis, con una grande sottoscrizione mondiale si finanzi il ritorno a casa di tutti coloro che vorranno. Sul libero commercio, se ne discuta ma senza clausole segrete e senza consegnare alle multinazionali le chiavi della politica e degli Stati. E quanto all’Europa, sia unita, si dia istituzioni democraticamente elette, affermi nel mondo tolleranza e diritti, e adotti una politica fiscale solidale, con eurobond che finanzino un piano europeo per il lavoro.

Utopia? Niente affatto. Cameron è un leader dimezzato. Se le forze che sostengono il Brexit vinceranno, sarà lo sconfitto; se perderanno sarà per merito di Corbyn, degli scozzesi, di Obama e financo di parte della City. Obama quel discorso l’avrebbe ascoltato con interesse: in fondo con la riforma sanitaria, dell’immigrazione e con la condanna dell’uso delle armi, egli ha portato in America dosi omeopatiche di Europa. E Merkel e Hollande? Il motore europeo è ingolfato, i due si attaccano al timone per governare l’abbrivio della nave. Finché andrà.

Questo è il tempo della politica. Una grande politica europea, liberale e solidale. Democratica perché consegna ai cittadini le leve delle scelte fondamentali. Visionaria, perché scommette su di un mondo multipolare, sull’innovazione e la ricerca, sulla dignità di tutte le persone umane, quali che ne siano il colore o le scelte sessuali.
Purtroppo non è questa la politica di Renzi. La sua politica rinuncia a cambiare il mondo mentre chiede per il suo governo una delega molto ampia, riduce il voto alla scelta del capo, usa bonus e sgravi fiscali come surrogato dei contratti liberamente sottoscritti e dei diritti acquisiti. Una politica che pretende di arrestare i corrotti mettendo il bavaglio alle intercettazioni e chiede ai magistrati di non disturbare il manovratore. Nell’interesse dell’Italia, s’intende. Non dubito che faccia questo con le migliori intenzioni, perché la sua gli sembra l’unica politica realista e perché non sa fare altro.

Dico però che non sarà lui il principe capace di svegliere l’Italia, bella e addormentata. I nostri giovani hanno bisogno di sognare, non di diventare politicanti. La nostra gente deve tornare a partecipare, non delegare al governo o disertare le urne. Il primo maggio torni «il giorno del risveglio alla luce e alla conoscenza, in un’alleanza fraterna per combattere ogni oppressione, ogni arbitrio, ogni sfruttamento».

left n. 18 vauro

Questo editoriale lo trovi sul n. 18 di Left in edicola dal 30 aprile

 

SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti