La chiamano “marea roja” e in pochi giorni ha trasformato l’arcipelago cileno di Chiloé da meta turistica in cimitero della biodiversità, marina e non solo. La marea in questione è frutto dell’abnorme proliferazione di alghe tossiche e maleodoranti che hanno messo in ginocchio la pesca e l’economia locale, dal momento che possono causare danni anche gravi alla salute umana. Una tossina idrosolubile sintetizzata da alghe microscopiche dette “dinoflagellati” paralizza il sistema nervoso centrale fino a uccidere pesci, uccelli e altre specie che popolano il mare e la costa, compresi i grandi mammiferi marini. Si chiama saxitossina ed è nota anche come “veleno paralizzante dei bivalvi”.

Joaquin Martinez, pescatore, cammina su una spiaggia di Tolten ricoperta da sardine morte. (AP Photo/Felix Marquez)

Joaquin Martinez, pescatore, cammina su una spiaggia di Tolten ricoperta da sardine morte. (AP Photo/Felix Marquez)

Il fenomeno non è inconsueto nelle isole cilene, ma – assicurano i pescatori – è la prima volta che si manifesta in forma così estesa e con una tale quantità di animali coinvolti. Partita dalla regione di Los Lagos, si è estesa rapidamente al nord verso Los Rios senza accennare a diminuire d’intensità, tanto che il ministro della Pesca e Acquacoltura cileno, Raul Sunico, ha dovuto chiudere gli allevamenti. Probabilmente è la marea rossa più estesa mai verificatasi nel continente sudamericano. Gli scienziati spiegano che le dimensioni di questa estesissima fioritura algale, che si prevede duri ancora per molte settimane, sono strettamente connesse alle temperature record registrate in questi mesi, anche in connessione con El Niño, il fenomeno meteorologico che provoca il surriscaldamento delle acque del Pacifico. I cambiamenti climatici, dunque, giocano un ruolo centrale nella diffusione ed estensione di questi fenomeni.

Sardine morti sulla baia di La Barra, nella regione di Araucania. EPA/Andres Perez

Sardine morte sulla baia di La Barra, nella regione di Araucania. (EPA/Andres Perez)

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in tutta l’area, ma ciò non è bastato a placare le proteste della popolazione locale, preoccupata per la sua stessa sussistenza, contro la presidente cilena Michelle Bachelet. I pescatori in particolare attribuiscono la responsabilità del disastro agli allevamenti di salmone – molto diffusi in Cile e il cui impatto ambientale è effettivamente elevato. Il sospetto è anche legato al fatto che all’inizio del 2016 un’altra “invasione” di alghe ha causato proprio una moria di salmoni, con migliaia di tonnellate di pesce allevato in decomposizione scaricate in mare. Finora sono andate perdute 100mila tonnellate di salmone (e un quantitativo molto maggiore di altri pesci e crostacei), ma le aziende che gestiscono gli allevamenti respingono le accuse.

Una donna cammina su una spiaggia di Tolten, ricoperta di sardine morti. (AP Photo/Felix Marquez)

Una donna cammina su una spiaggia di Tolten, ricoperta di sardine morte. (AP Photo/Felix Marquez)

Ora i pescatori chiedono risarcimenti adeguati da parte dello Stato. Lo scorso 13 maggio, il ministro dell’Economia, Luis Felipe Céspedes, ha annunciato la costituzione di una commissione di scienziati indipendenti con lo scopo di individuare le cause del fenomeno. L’obiettivo è duplice: determinate l’esistenza di un nesso tra il cosiddetto “dumping del salmone” e la marea rossa e realizzare un piano d’intervento rapido ed efficace. Dopo giorni di proteste e blocchi stradali, seguiti da negoziati tra comunità locali e governo, in molte comunità la protesta è quasi rientrata. Il governo ha accettato di risarcire ogni famiglia coinvolta con 441 dollari, dopo che l’offerta di 147 dollari per ogni nucleo familiare aveva fatto esplodere le contestazioni. Ma la crisi potrebbe farsi sentire ancora per mesi e i danni all’ecosistema molto di più.

I crostacei morti che coprono la spiaggia di Cucao. (AP Photo/Esteban Felix)

I crostacei morti che coprono la spiaggia di Cucao. (AP Photo/Esteban Felix)

Una delle spiaggie ricoperta di crostacei in Cucao, a Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Una delle spiaggie ricoperta di crostacei in Cucao, a Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Freddy Guenuman, pescatore, ispeziona i molluschi coprono la spiaggia di Cucao, a Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Freddy Guenuman, pescatore, ispeziona i molluschi che coprono la spiaggia di Cucao, a Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Un operaio cileno raccoglie le sardine morte sulla spiaggia di Tolten, Temuco. (AP Photo/Felix Marquez)

Un operaio cileno raccoglie le sardine morte sulla spiaggia di Tolten, Temuco. (AP Photo/Felix Marquez)

Un operaio cileno raccoglie le sardine morte sulla baia di La Barra, nella regione di Araucania. EPA/ANDRES PEREZ

Un operaio cileno raccoglie le sardine morte sulla baia di La Barra, nella regione di Araucania. EPA/Andres Perez

Lavoratori cileni raccolgono le sardine morte nella baia di La Barra, nella regione di Araucania. EPA/ANDRES PEREZ

Lavoratori cileni raccolgono le sardine morte nella baia di La Barra, nella regione di Araucania. EPA/Andres Perez

Gente cammina tra le meduse morte sulla spiagga di Cucaco Beach, Chiloé. EPA/Sebastian Silva

Gente cammina tra le meduse spiaggiate a Cucaco Beach, Chiloé. EPA/Sebastian Silva

Una foca morta sulla spiaggia Mar Brava beach a Chiloe. (AP Photo/Esteban Felix)

Una foca morta a Mar Brava beach, Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Una medusa morta sulla spiaggia di Chiloe. (AP Photo/Esteban Felix)

Una medusa sulla spiaggia di Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

I resti di un pinguino sulla riva a Tolten, Temuco. (AP Photo/Felix Marquez)

I resti di un pinguino sulla riva a Tolten, Temuco. (AP Photo/Felix Marquez)

un messaggio sulla vetrina di un negozio recita in spagnolo "Chiloe difende il suo mare, la sua terra, e la sua gente”. (AP Photo/Esteban Felix)

Messaggio sulla vetrina di un negozio: “Chiloé difende il suo mare, la sua terra, e la sua gente”. (AP Photo/Esteban Felix)

Un pescatore pone una bandiera cilena su una barca usata come blocco stradale dai manifestanti. (AP Photo/Esteban Felix)

Un pescatore pianta la bandiera cilena su una barca usata per un blocco stradale. (AP Photo/Esteban Felix)

Un subacqueo si insinua nella pozza sulla strada durante una marcia di protesta nell’sola di Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

La protesta di un sub che si getta in una pozza per strada durante una manifestazione nell’sola di Chiloé. (AP Photo/Esteban Felix)

Un momento della protesta dei pescatori in una strada a Chiloé, sud del Cile. EPA/SEBASTIAN SILVA

Un momento della protesta dei pescatori a Chiloé, sud del Cile. EPA/SEBASTIAN SILVA

"Hanno ucciso il nostro mare", ha detto Millaquien, una delle pescatrici che lavorano sull’isola. (AP Photo/Esteban Felix)

“Hanno ucciso il nostro mare”, ha detto Millaquien, una delle pescatrici che lavorano sull’isola. (AP Photo/Esteban Felix)

12 maggio 2016. Un blocco stradale della protesta dei pescatori di Calbuco, Cile. EPA/SEBASTIAN SILVA

12 maggio 2016. Un blocco stradale dei pescatori di Calbuco, Cile. EPA/Sebastian Silva

Barche da pesca ormeggiate in un porto in Dalcahe Comune a Chiloé, sud del Cile. EPA/SEBASTIAN SILVA

Barche da pesca ormeggiate in porto a Dalcahe Comune, Chiloé. EPA/Sebastian Silva

Un momento della protesta del 6 maggio dei pescatori che hanno perso il lavoro. (AP Photo/Esteban Felix)

6 maggio. La protesta dei pescatori che hanno perso il lavoro. (AP Photo/Esteban Felix)

Testo di Raffaele Lupoli
Gallery a cura di Monica di Brigida

Commenti

commenti