“Orecchiette alla San Michele” dal carcere di Alessandria, parmigiana di melanzane dalla casa circondariale di Pozzuoli (Coop. Le Lazzarelle), panzerotti con mozzarella e pomodoro e cannelloni al sugo dal carcere di Bollate, coni di pasta sfoglia con mozzarella, pomodorini e crema di basilico dal carcere di San Vittore, pasta con verdure al forno e torta di mele dal carcere di Opera. E il vino offerto dalle cantine Cincinnato e Le Grotte. Questo il menu di “Cucine Galeotte”.

La cena, preparata dalle detenute e dai detenuti, sarà servita domani – 14 luglio – a partire dalle 19 presso il Mare culturale urbano di Milano. L’evento che si terrà domani nell’ambito di Mare culturale urbano (per il programma completo potete cliccare qui). Prima di cena, alle ore 18, in programma un incontro dedicato alle buone pratiche di formazione professionale in carcere, con gli interventi di Lucia Castellano, direttore generale esecuzione penale esterna e di messa alla prova, Valeria Verdolini, presidente della Sezione Lombardia dell’associazione Antigone, Cosima Buccoliero, vicedirettore del carcere di Bollate, Davide Dutto dell’associazione Sapori Reclusi, coordinati dalla giornalista di Left Tiziana Barillà.

Ad allietare la giornata ci saranno anche, sempre a partire dalle ore 18.00, l’installazione fotografica “Sapori Reclusi” realizzata da Davide Dutto e la selezione musicale a cura di Paolo Minella.

Commenti

commenti