Dopo essere diventata la relazione strutturante la vita quotidiana degli adulti nelle società sviluppate, per molti abitanti di queste stesse società la coppia è divenuta una condizione intermittente/sequenziale, oltre che assente per larghi tratti della vita adulta. Ciò non significa necessariamente che chi non vive in coppia non stia vivendo una relazione di coppia in forma Lat – living apart together (vivere insieme a distanza) – o che non abbia avuto in passato, o non avrà in futuro, una relazione di coppia. Tra chi non vive in coppia, infatti, si trovano sia persone che non hanno ancora trovato un compagno/a con cui hanno voglia e abbastanza fiducia di condividere la vita quotidiana, che lo hanno fatto, ma la coppia è finita per ragioni diverse (morte, separazione), che hanno un saldo rapporto di coppia con qualcuno con cui, però, non condivide in modo esclusivo e permanente il tetto. E non dobbiamo dimenticare che in Italia, tra i giovani, la vita da single spesso si svolge all’interno della famiglia dei genitori, dato che sono percentualmente pochi i giovani che vanno a vivere per conto proprio prima di, o senza, andare a vivere con un partner.

Se molte di queste vite da single sono tali per necessità, più che per scelta – perché un rapporto è finito, oppure non si è trovato (ancora) qualcuno con cui valga la pena di iniziarlo, o perché la precarietà economica non consente di fare progetti di vita comune – un numero crescente di donne sperimenta l’assenza – definitiva, ma più spesso temporanea – di una vita quotidiana di coppia come una forma di libertà e l’opportunità per investire sulle proprie capacità e progetti non famigliari. Perché sanno dall’esperienza delle loro madri e delle loro coetanee che già vivono in un rapporto di coppia quanto questo possa diventare rapidamente squilibrato nelle aspettative reciproche e quanto siano le donne a perdere più spesso sul piano delle opportunità di autonomia. I dati sull’abbandono dell’occupazione da parte delle donne in Italia a seguito di eventi famigliari come matrimonio e maternità sono eloquenti, così come quelli sulla asimmetria nella divisione del lavoro famigliare gratuito, anche quando la donna è occupata.

Ci sono differenze territoriali e per livello di istruzione, particolarmente forti in Italia: per le donne meno istruite e per quelle che vivono nel mezzogiorno è più difficile accedere al mercato del lavoro anche senza essere coniugate o con figli, e ancora di più quando lo sono. Le loro opzioni sono più ridotte di quelle aperte alle donne più istruite che possono accedere a professioni di qualità e salari decenti. Anni fa, quando erano le convivenze senza matrimonio ad essere individuate come un fenomeno nuovo nelle relazioni tra i sessi, si diceva che si conviveva “per negoziare” rapporti nella coppia meno asimmetrici di quelli che si davano nel matrimonio.

L’articolo di Chiara Saraceno continua su Left in edicola dal 15 ottobre

 

SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti