Negli ultimi anni il mondo della ricerca universitaria ha conquistato, in Italia e altrove, le prime pagine dei giornali, non per i suoi successi, ma per i risvolti cupi che hanno preso le vite di alcuni studiosi.
Sono stati accusati, arrestati e a volte condannati – o uccisi – per aver svolto ricerche sul campo in zone considerate “a rischio”: a contatto, cioè, con i movimenti politici e sociali antagonisti, invisi ai governi.

Partendo dalla storia di Andrej Holm, sociologo tedesco, che è stato in carcere preventivo per sospetto di terrorismo nel 2007, siamo arrivati agli ultimi anni italiani, dove la laureanda Roberta Chiroli è stata condannata per aver partecipato a una manifestazione No Tav mentre svolgeva una ricerca in Val di Susa nel 2013 e il docente di Napoli Enzo Vinicio Alliegro è in attesa di giudizio per aver documentato una protesta del “Popolo degli Ulivi” contro il taglio delle piante in Salento.

Grazie al contributo di docenti e ricercatori, abbiamo cercato di ricostruire alcuni dei casi in cui i saperi sono stati giudicati in tribunale e la ricerca universitaria è diventata un reato, in un cammino accidentato che spesso incontra la censura anche all’interno delle università e si trasforma in autocensura.

Ma se la libertà di ricerca universitaria è minacciata, in quali condizioni vertono le altre libertà sociali?

Secondo l’antropologo Stefano Boni la ricerca universitaria è solo una delle libertà compromesse dall’“accanimento di una parte della magistratura contro un’opposizione sociale che non risparmia nessuno, l’anziana signora come il ricercatore”.

Continua su Left in edicola dal 22 ottobre

 

SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti