Un rapporto del progetto di ricerca europeo e inter-universitario Unravelling the Mediterranean Migration Crisis (Medmig), lancia accuse pesanti contro la gestione della crisi migratoria da parte dei Paesi Ue.

Secondo The Independent, che ha visionato in esclusiva il rapporto Medmig, le conclusioni della ricerca indicano che «il rifiuto di aprire vie di accesso legali per coloro che cercano sicurezza in Europa ha aumentato la domanda per traversate lungo percorsi pericolosi e, conseguentemente, il business dei trafficanti». Secondo Heaven Crawley, professore dell’Università di Coventry e co-autore del rapporto, «soluzioni pragmatiche ed efficienti vengono scavalcate dagli interessi politici dei leader di tutta Europa». Franck Duvell, dell’Università di Oxford, denuncia che «sebbene i politici abbiano espresso la volontà di “perseguire i trafficanti”, le politiche adottate dall’Ue rafforzano il business di questi ultimi».
Il progetto di ricerca Medmig gode della collaborazione di diversi partner di ricerca del sud Europa, tra cui l’istituto di ricerca torinese, Forum internazionale ed europeo di ricerche sull’immigrazione (Fieri).

Intanto, dopo lo sgombero della così detta “giungla di Calais”, 1500 minori attendono di sapere la loro prossima destinazione. Come documenta Der Spiegel, nei prossimi giorni le autorità francesi dovrebbero trasferire i minori in altre strutture di accoglienza sul territorio francese. In un’intervista rilasciata per il giornale francese, La Voix du Nord,  il Presidente della Repubblica, Francois Hollande, ha promesso ai cittadini di Calais che «non ci saranno nuovi insediamenti illegali».

Leggi anche:

BulgariaNoviniteIl candidato socialdemocratico alla presidenza, Rumen Radev, ricorrerà alla Corte Costituzionale per far annullare il CETA, in caso di vittoria alle elezioni del 6 novembre prossimo

BruxellesDie Welt Il Vicepresidente del Parlamento europeo, Alexander Graf Lambsdorff, ha detto che la libera circolazione senza visto in territorio Ue dei cittadini turchi è un obiettivo sempre più lontano a causa dei recenti sviluppi politici nel Paese

IrlandaThe Irish Times –  Secondo un recente studio del National Institute of Economic and Social Research (Niesr) lo scambio di servizi tra l’Ue e il Regno Unito potrebbe subire un calo del 60 per cento se il Paese dovesse uscire dal Mercato unico europeo

GreciaEkathimeriniSecondo un nuovo sondaggio telefonico condotto da Public Issue, il partito conservatore greco, Nuova Democrazia (Nd), avrebbe accumulato un vantaggio di 24 punti percentuali rispetto a Syriza

Commenti

commenti