In un’intervista pubblicata ieri da Euractiv, Frans Timmermans, Primo vicepresidente della Commissione europea nonché ex-Ministro degli affari esteri olandese, ha parlato a tutto tondo della situazione dell’Ue: dal tema della solidarietà tra Paesi, alle politiche identitarie di alcuni governi, passando per la crisi dei migranti.

Timmermans ha affermato che, per la prima volta da 30 anni a questa parte, ha la sensazione che «l’Unione europea possa fallire». «Non è una questione di pessimismo, ma nemmeno l’Ue è eterna e si deve combattere per difenderla»; poi ha specificato che «invece di lodare l’Unione in quanto tale, dovremmo dimostrare che le sue politiche possono aiutare a risolvere i problemi che gli Stati nazionali non riescono a gestire».

Secondo Timmermans, uno dei problemi principali del nostro continente è rappresentato dall’indebolimento della classe media: «Il nostro ascensore sociale si è bloccato e ha cominciato a tirare verso il basso le prospettive future delle persone. Le disuguaglianze aumentano e le rivendicazioni identitarie ritornano in primo piano».
Interrogato sul disinteresse dei giovani verso la politica europea, l’ex Ministro olandese ha ammesso che la classe politica «ha fallito nell’educare i cittadini», i quali vengono invece radicalizzati da partiti estremisti.

Il Vicepresidente della Commissione ha poi commentato la Brexit: «In politica, la nostalgia verso il passato rappresenta sempre una paura del futuro». In seguito ha anche ringraziato i valloni per aver sollevato importanti questioni nel corso delle negoziazioni per il Ceta, ma ha detto che sarebbe stato una contraddizione non firmare un accordo con il Canada: «Gli accordi commerciali sono un modo per rafforzare i nostri valori comuni e uno strumento per guidare la globalizzazione nella direzione giusta».

Infine Timmermans ha dato uno schiaffo morale all’ex-Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso. Timmermans non si spiega come Barroso abbia potuto accettare una simile posizione lavorativa: «In politica l’esempio è tutto. Se si parla di valori è necessario comportarsi anche in maniera consequenziale. Si deve essere all’altezza della posizioni istituzionale che si occupa».

Leggi anche:

PortogalloHandelsblattIl ministro dell’Economia portoghese, Manuel Caldeira Cabral, difende la fine delle politiche di austerity nel suo Paese e assicura che non ci sarà bisogno di un secondo salvataggio europeo

UngheriaLe MondeOggi in Ungheria si vota per inserire nella Costituzione del Paese le norme contro il trasferimento dei rifugiati dettato dall’Ue

Europa – EuObserverNel 2014, dopo anni di stagnazione – e a livello aggregato europeo – la spesa per educazione e formazione è aumentata. Ma il segno più nasconde differenze importanti tra i vari Paesi

Commenti

commenti