Nino Di Matteo difficilmente si sottrae al dibattito. Il magistrato più scortato d’Italia, da tempo impegnato nella procura di Palermo nella lotta alla mafia, è uno di quelli che crede nella responsabilità culturale di chi ha l’occasione di essere ascoltato; e le parole di Di Matteo pesano, sempre. L’abbiamo voluto intervistare sulla riforma costituzionale di Renzi e Boschi e lui, al solito, ha risposto senza mediazione.

Dicono sia vecchia, che vada cambiata, che è da sburocratizzare: ma come sta la nostra Costituzione?
Io sono sempre stato convinto che il vero gran- de problema italiano sia la forbice tra la Costituzione formale e quella materiale. Il vero problema è costituito dal fatto che molti importanti principi costituzionali non hanno mai trovato applicazione. Da una parte c’è la Costituzione scritta e c’è un’Italia che vorrebbe un progetto politico con alti principi di uguaglianza, di solidarietà e di libertà così come scritti nella Costituzione, e dall’altra parte c’è stata invece la trasformazione e l’elusione della Costituzione nella pratica politica, con un’Italia fondata sulla speculazione, sulla ricerca esasperata del potere e della sua conservazione, sul compromesso e sull’accettazione, perfino, di metodi mafiosi e poteri criminali. Io sono convinto che questo sia il vero grande problema. La nostra Costituzione deve essere applicata piuttosto che modificata.

Ne parliamo su Left in edicola dal 12 novembre

 

SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti