Il commercio mondiale non se la passa troppo bene. Lo ha ricordato ieri il vicepresidente della Banca centrale europea, Victor Constancio, durante una conferenza a Francoforte. Constancio ha detto che i Paesi le cui economie si reggono prevalentemente sull’export, per esempio la Germania, potrebbero subire il ritorno di politiche economiche protezioniste a livello globale.

Le parole di Constancio non sono certo casuali e suonano più come una previsione legata al risultato elettorale americano della settimana scorsa. Come è noto, Donald Trump ha proposto una politica economica protezionista durante la sua campagna elettorale. E se le borse sembrano aver metabolizzato con scioltezza il successo e le promesse dell’outsider repubblicano, Constancio avverte che una crescita dell’economia americana potrebbe affermarsi a danno degli altri partner commerciali.

Constancio ha poi riferito che si aspetta una risalita e “normalizzazione” del livello di inflazione nell’Eurozona: già dalla primavera del 2017 dovrebbe superare l’1 per cento. Allo stesso tempo, il vicepresidente ha anche fatto capire che l’inflazione così detta “core”, ovvero quella che si calcola al netto delle fluttuazioni dei prezzi alimentari e dell’energia, non sembra reagire alle politiche monetarie. Perché?

Secondo il vicepresidente, solo “un’evoluzione positiva dei salari può fare da traino e creare una dinamica inflazionistica positiva” (moderata quindi) per l’economia nel suo complesso. La politica monetaria insomma, non basta. Intanto, a dicembre, la Bce tornerà a valutare il proseguo del programma di “quantitative easing”.

Leggi anche:

GreciaEkathimeriniMartedì 15 novembre, i creditori internazionali e il governo greco tornano a parlare di riforme nel quadro della seconda “review” del terzo programma di bailout. Il 5 dicembre potrebbe essere la data per una svolta sul debito

EuropaThe IndependentL’ex segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, avverte l’Europa: se i Paesi dell’Ue non investiranno in difesa e sicurezza, Putin prenderà il largo nell’Est

GreciaHandelsblatt  – L’economia della Grecia cresce dello 0.5 per cento nel terzo trimestre. Il 2016 potrebbe chiudersi con il segno più, contro le aspettative della Commissione europea

GermaniaDie WeltSassonia Anhalt: gruppo di neo-nazisti attacca studenti dell’Università di Köthen durante la proiezione di un film contro il razzismo.

Regno UnitoThe IndependentIl governo di Theresa May potrebbe mettere la parola fine al piano della “big society” di David Cameron: i conservatori vogliono sostenere di più i minori provenienti da famiglie indigenti

EuropaEuronewsBeppe Grillo: “Podemos propone un modello di politica vecchio; crede che il potere si regga su alleanze tra formazioni politiche invece che sulla partecipazione diretta dei cittadini”

Commenti

commenti