In un’intervista per Euractiv, il Segretario di Stato delle finanze slovacco, Ivan Lesay, ha parlato dell’opportunità di introdurre a livello europeo, uno schema di garanzia contro la disoccupazione.

Lesay, che attualmente è Presidente in carica del Consiglio nel quadro del semestre a guida slovacca, ha specificato che «è necessario muoversi nella direzione di un tale meccanismo affinché l’Unione monetaria rimanga intatta e sostenibile nel lungo periodo».

Il Segretario di Stato ha anche ammesso che si tratta di un «obiettivo difficile» da realizzare e che ci sono «molti ostacoli». Allo stesso tempo ha parlato di una varietà «di soluzioni possibili».

Interrogato sull’opposizione della Germania a un tale meccanismo, Lesay ha glissato: «Dopo la Brexit, a livello europeo, c’è molto più appetito per la costituzione di strumenti fiscali comuni».

Già, perché prima di poter metter in piedi un qualsiasi schema di sicurezza contro la disoccupazione, l’Europa avrebbe bisogno di sviluppare una vera e proprio “capacità fiscale”, un’evoluzione del processo di integrazione che tocca la sovranità nazionale in materia.

Lesay ha ribadito che, a livello europeo, esiste un gap tra il livello aggregato di capacità fiscale e quello ottimale che servirebbe all’Unione monetaria. Ciò è dovuto anche al fatto che, quando si parla di capacità fiscali si guarda semplicemente alla sommatoria delle singole capacità nazionali.

«Lo scenario preferito sarebbe quello di avere una sorta di dispositivo fiscale centralizzato», ha ammesso Lesay. Anche perché la Commissione europea, legalmente, ha “il potere” di far spendere di meno agli singoli Stati, non certo quello di incrementare la spesa pubblica.

Leggi anche:

UngheriaDie Zeit Profugo siriano condannato a dieci anni di carcere per aver commesso atti di natura terroristica contro le forze dell’ordine, lungo il confine con la Serbia

Regno UnitoThe Independent Continua lo scontro tra Londra e Bruxelles sul trattamento dei cittadini europei e britannici che vivono all’estero

GermaniaDie Zeit Il numero delle imprese fondate da immigrati è cresciuto del 30 per cento tra il 2005 e il 2015

EuropaEuObserverSecondo un nuovo rapporto dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali, l’80 per cento dei cittadini rom sono a rischio povertà

Commenti

commenti