È iniziata dal basso, dalle persone, dai cittadini e dalla quotidianità più semplice, la storia di “Matera 15/19”, documentario in quattro puntate per raccontare come Matera e la Basilicata si stiano preparando ad essere Capitale Europea della Cultura nel 2019. Il primo episodio verrà diffuso a gennaio 2017 e la realizzazione è stata resa possibile grazie a un crowfunding su eppela.com: le donazioni sono state talmente tante che oltre alla cifra per realizzare il film, sono stati raccolti anche 1500 euro da donare in favore delle popolazioni terremotate del centro Italia.
“Matera 15/19” si presenta dunque come un diario di bordo, un modo per raccontare e lasciare traccia degli sforzi e delle storie collettive e personali che a partire dal 2015 hanno animato e fino al 2019 animeranno la città e la Regione.

matera

Un diario di bordo, un modo per raccontare e lasciare traccia degli sforzi e delle storie collettive e personali che a partire dal 2015 hanno animato e fino al 2019 animeranno la città e la Regione.

foto-di-scena-1-ph-pierpaolo-perri

Un documentario che è anche un viaggio all’interno del quale i quattro episodi risultano indipendenti e allo stesso tempo interconnessi fra loro, pronti a confluire in un racconto omogeneo con l’ultima puntata.
Autori del primo episodio sono Fabrizio Nucci e Nicola Rovito affiancati per l’occasione dal co-autore e co-regista Alesandro Nucci vincitore nel 2008 del premio Ilaria Alpi. Qui in esclusiva per Left un estratto della prima puntata che potrete vedere a gennaio.

“Matera 15/19: Episodio I” è stato prodotto dalla Open Fields Productions e co-prodotto dalla lucana ArifaFilm, in collaborazione con Regione Basilicata, Lucana Film Commission e BCC Laurenzana e Nova Siri, con il patrocinio del Comune di Matera, del Comune di San Severino Lucano, dell’Università degli Studi della Basilicata e del Parco Nazionale del Pollino. Le musiche infine sono a cura del gruppo musicale TreesTakeLife.

foto-di-scena-3_ph-pierpaolo-perri

foto-di-scena-4-ph-pierpaolo-perri

Foto © Pierpaolo Perri

Commenti

commenti