Precedente | Successivo

COVER STORY

DONNA LIBERA TUTTI


Strette tra vecchi e nuovi materialismi

di Chiara Saraceno

Non occorre essere madri per realizzare il proprio progetto di vita. Ma anche scegliere di diventarlo, in Italia, è difficilissimo. Le donne si trovano costantemente alle prese con leggi sbagliate, diseguaglianze e un welfare sempre più inesistente. Il Bel Paese infatti è anche un esempio del rovesciamento del rapporto tra occupazione femminile e tasso di fecondità avvenuto nei Paesi sviluppati alla fine del secolo scorso. Paese a fecondità relativamente alta e occupazione femminile bassa ancora negli anni Settanta, già a metà degli anni Ottanta mostrava sia tassi di occupazione femminile sia tassi di fecondità fra i più bassi, attorno all’1,5 figli per donna. E nel 2013 il tasso di fecondità fra le donne italiane era 1,39 figli. Un fenomeno che sembra coinvolgere soprattutto il Meridione e che rivela molto della società in cui viviamo.

Condannate dalla cultura

di Simona Maggiorelli

Nella mostra La grande madre a Milano l’emancipazione fallita del Novecento. Anche le avanguardie non vanno oltre agli stereotipi. L’esposizione curata e ideata dal direttore artistico della Fondazione Trussardi propone al visitatore un percorso che non offre scampo, costringendo a interrogarsi sul perché la donna è stata vista e rappresentata dagli uomini solo come madre o prostituta, schiacciata per secoli in una icona piatta e devitalizzata.

La scelta di Noga

Abraham Yehoshua racconta nel suo ultimo libro La comparsa la storia di una giovane donna che decide di non avere figli. «A Gerusalemme – ci spiega lo scrittore – sono stato criticato dalle femministe. Mi hanno detto: “non sono affari tuoi le ragioni per cui una donna non vuole avere figli”. Ma io voglio capire».

Io della natura non mi fido, anzi la frego

L’intervista a Francesca Fornario di Ilaria Bonaccorsi

Francesca Fornario racconta il suo ultimo libro La banda della culla. Che racconta del desiderio di essere genitore perché si è in due, quei due, in quella storia. Non per rispettare un ipotetico e imposto “ciclo naturale di vita”. Tra le pagine, dove si ride per non piangere, prende vita un mondo di affetti dove vale tutto. Adozione, fecondazione eterologa, affido, amicizia

Ho scelto di non avere figli e mi sento bene

di Donatella Coccoli

La scrittrice Barbara Fiorio in Qualcosa di vero racconta di un incontro fortuito tra una pubblicitaria quarantenne e una bimba di nove anni. Un affetto profondo che travolge la vita di entrambe

 

Società Left

 

casa/1
L’ossessione del governo per le occupazioni abitative

di Chicchino Antonini

Ogni giorno in Italia si contano 140 sfratti eseguiti con la forza pubblica. Mentre le occupazioni crescono: 110 solo a Roma. Fra le 30 e le 50mila famiglie sono ostaggio dell’emergenza casa

casa/2
Ex telecom, piccolo mondo antico

di Ilaria Giupponi

Un microcosmo in cui si erano creati sostenibilità, welfare e mutuo soccorso. Questa era la palazzina occupata a Bologna. Spazzata via dalle logiche del mercato immobiliare e da una politica senza coraggio

speciale armi
Tu vuo’ fa l’americano. E sparare

di Martino Mazzonis

Il leghista Buonanno propone in diretta tv un “buono” pistola per garantire la “legittima difesa”. Le destre, dopo Stacchio, hanno trovato un nuovo eroe a Vaprio D’Adda. E in mente hanno il modello Usa. Ecco come funziona.

Un porto d’armi non si nega a nessuno

di Stefano Santachiara

I limiti della normativa sul porto d’armi in due storie, dove la vittima – come spesso accade – è donna

politica
Caro Renzi stai sereno ora rivoluziono anche l’Italia

L’intervista a Luigi de Magistris di Tiziana Barillà

Dopo l’assoluzione un Luigi de Magistris senza freni: «Una parte di Stato ha tentato di fermarmi». E ora punta alla rielezione: «La sinistra investa su partecipazione, autogestione e movimentismo».

migranti
La clandestinità è ancora un reato

di Stefano Catone

Sono passati 18 mesi da quando il governo ha ricevuto la delega per la depenalizzare il reato di ingresso e soggiorno clandestino. La scadenza si avvicina e la situazione per i migranti peggiora

 

Esteri, Left

 

spagna
Aiuto Rivera se está comiendo a Iglesias

di Giacomo Russo Spena e Luca Tancredi Barone

Se Podemos è viola, Ciudadanos è il partito arancione (pantone 1585 C, per la precisione), di centro ma condito di cambiamento. Ha un leader furbo e super telegenico. Ve lo presentiamo

siria
Vladimir d’Arabia

di Umberto De Giova

L’intervento in Siria di Putin è funzionale a un ambizioso disegno politico-diplomatico: una “Yalta mediorientale”, che incoroni la Russia come potenza globale. Al pari degli Stati Uniti

palestina
Hebron, in morte di un resistente

Il fotoreportage dalla Palestina di Nicola Zolin

Una città tagliata in due, dove l’occupazione dei coloni israeliani non lascia respiro alla popolazione palestinese. Che lentamente scompare insieme a chi ha sempre resistito. Come Hashem Azzeh

cina
Tianjin, ex colonia d’Italia dove l’arte è di casa

Fotoreportage dalla Cina di Fernando Fidanza

Forse sono in pochi a ricordarselo ma anche l’Italia ha avuto la sua colonia in Cina. Una nuova tappa del nostro “diario di viaggio cinese” alla scoperta di una città e delle sue strade intitolate a “eroi” italiani

Cultura, Left

 

cultura
Investire in cultura è un’esigenza prioritaria

L’intervista a Massimo Bray di Simona Maggiorelli

«Il recupero della Reggia di Carditello dimostra che si può intervenire con successo e rapidamente, se lo Stato ci crede». A colloquio con l’ex ministro della Cultura Massimo Bray

archeologia
Il passato rivive nel museo a cielo aperto

di Donatella Coccoli

A Poggibonsi in provincia di Siena rinasce un villaggio dell’Alto Medioevo. È il passaggio dalla ricerca scientifica allo storytelling collettivo e, soprattutto, il primo caso in Italia di archeologia sperimentale e pubblica

scienza
Nascerà il primo “editing baby”?

di Pietro Greco

Un bambino con il codice genetico riscritto. La biotecnologia lo consente ma la scienza si divide. Tra bocciature e speranze in terapie future, s’invocano regole chiare. Che gli Stati non hanno

musica
Sono sempre Luca lo stesso

L’intervista a Luca Carboni di Alessandra Grimaldi

Il cantautore bolognese Luca Carboni torna con il suo sedicesimo album, Pop-Up e racconta a Left i suoi trent’anni di carriera fra sogni, cambiamenti e il bisogno di rimanere coerenti con se stessi